VENETO, OPERE IDRICHE E MANUTENZIONE IDRAULICA. CONTE: DALLA REGIONE UN’ASSEGNAZIONE DI QUASI 12 MILIONI DI EURO

La giunta regionale su proposta dell’assessore alle politiche ambientali e alla difesa del suolo Maurizio Conte ha proceduto alla ripartizione definitiva delle risorse derivanti dai canoni dovuti per le concessioni di derivazione di acque sotterranee destinate a qualsiasi uso e di acque superficiali, su cui si è espressa anche la competente commissione consiliare. Complessivamente sono state assegnate risorse finanziarie per quasi 12 milioni di euro. “I proventi introitati dalla Regione vanno reinvestiti per la tutela delle risorse idriche – fa rilevare l’assessore Conte – e, nella misura del 60%, sono finalizzati al finanziamento degli interventi da realizzare, in tutto il territorio regionale, per la riduzione del rischio idraulico e idrogeologico, mentre per il restante 40% sono destinati agli interventi da realizzare nelle aree di prelievo, per l’ottimizzazione dell’uso dell’acqua, per la salvaguardia delle risorse idriche, per la ricarica di falde sotterranee e per la tutela delle fonti”. Nell’ambito della ripartizione, 1,5 milioni sono stati attribuiti agli interventi di tutela e difesa dei litorali e delle aree limitrofe alla fascia costiera regionale; 2 milioni per opere di manutenzione forestali; 2 milioni 123 mila euro per opera di manutenzione della rete idraulica minore a cura dei Consorzi di bonifica; 1,5 milioni per lavori di adeguamento funzionale delle opere idrauliche a servizio delle aree urbane dei bacini Bandoquerelle-Palù Grande (Consorzio di Bonifica Veneto Orientale); 3 milioni per opere nella provincia di Belluno (Genio Civile). Per quanto riguarda le aree interessate a prelievo, il riparto assegna 1,6 milioni di euro all’adeguamento provvisorio dello sbarramento antisale alla foce del fiume Adige.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Articoli collegati (da tag)

Vai Su