• Facebook: assessore.maurizioconte
  • Picasa: maurizio.conte64
  • Twitter: contemaurizio
  • YouTube: contemaurizio
RSS Feed



VENETO ADERISCE A PETIZIONE FIAB PER COPERTURA ASSICURATIVA INFORTUNI BICICLETTA IN PERCORSI CASA-LAVORO

La giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alle politiche ambientali Maurizio Conte, ha deciso di aderire alla petizione promossa dalla FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus – per chiedere la modifica dell’art. 12 del D. Lgs n. 38/2000, al fine di garantire comunque la copertura assicurativa dell’infortunio in itinere avvenuto in bicicletta nei percorsi casa-lavoro anche se fosse possibile l’utilizzo del mezzo pubblico. L’articolo in questione ha introdotto nella legislazione riguardante l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro l’”infortunio in itinere”, già precedentemente riconosciuto sulla base di interpretazioni giurisprudenziali. Viene tutelato l’infortunio, subito dal lavoratore assicurato, nel normale percorso dalla dimora abituale al lavoro e ritorno, sia che avvenga a piedi sia con mezzi pubblici. Nel caso invece si impieghi un mezzo privato, l’uso deve essere “necessitato”. Ciò significa che è necessario dimostrare che non esistono mezzi pubblici oppure che questi non coprono l’intero tragitto o che gli orari non coincidono con quelli di lavoro, ecc.. La copertura assicurativa è prevista solo se si dimostra che l’utilizzo è “necessitato”. La FIAB propone di modificare l’art. 12 del decreto legislativo in questo modo: “L’uso della bicicletta è comunque coperto da assicurazione, anche nel caso di percorsi brevi o di possibile utilizzo del mezzo pubblico”. “L’uso della bicicletta negli spostamenti urbani, specie in quelli sistematici (casa-lavoro) – sottolinea Conte - rappresenta una modalità di trasporto ad “emissioni zero”, veloce nel traffico cittadino e competitiva rispetto agli altri mezzi di trasporto, in particolare nei tragitti brevi. Pertanto l’uso della bicicletta per andare al lavoro è da ritenersi socialmente utile e meritevole, poiché migliora l’ambiente e contribuisce a diminuire il traffico. Inoltre, l’uso di tale mezzo può essere “necessitato” da motivi personali ed economici importanti ed oggettivi: il lavoratore risparmia l’abbonamento al mezzo pubblico e le spese connesse all’utilizzo dell’automobile, in molti tragitti è più veloce del mezzo pubblico ed inoltre contribuisce a rendere meno affollato il servizio. Anche l’amministrazione regionale del Veneto ha quindi ritenuto opportuno aderire ufficialmente alla petizione promossa dalla FIAB per modificare l’art. 12 del D. Lgs. 38/2000”.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Appuntamenti nel territorio

Elezioni Regionali del VENETO. domenica 31 maggio dalle 7.00 alle 23.00 Vota LISTA TOSI per il VENETO e scrivi CONTE


SEGUIMI SU FACEBOOK

SOSTEGNO AL REDDITO

FORME DI SOSTENGO AL REDDITO
FINANZIATE DALLA REGIONE VENETO

Un'iniziativa della Regione del Veneto destinata ai giovani tra i 15 e i 29 anni.

progetto giovani regione veneto

Clicca qui per leggere l'approfondimento sul tema

Lavori di pubblica utilità per soggetti ultratrentacinquenni, disoccupati e che non fruiscono di ammortizzatori sociali o di trattamento pensionistico.

Clicca qui per leggere l'approfondimento sul tema

Iscrizione Newsletter

Inserisci l'indirizzo email al quale desideri ricevere la newsletter:

Visualizza le precedenti uscite

Galleria Fotografica

Video

Cerca nel sito