RISORSE IDRICHE. 2 MLN. DI EURO PER ISTITUZIONE FONDO DI GARANZIA PER GESTORI SERVIZIO IDRICO

Un programma di interventi a salvaguardia delle risorse idriche è stato approvato in via definitiva, con il parere favorevole della competente commissione consiliare, dalla giunta regionale che ha definito con il provvedimento la destinazione di un importo complessivo di 21,5 milioni di euro. Di questi due milioni sono stati destinati all’istituzione del Fondo di garanzia per gli interventi nel settore idrico integrato. “La normativa regionale – spiega l’assessore regionale Maurizio Conte relatore del provvedimento - prevede che i canoni dovuti per le concessioni di derivazione di acque sotterranee destinate a qualsiasi uso, nonché di derivazione di acque superficiali siano finalizzati nella misura del 60 per cento al finanziamento degli interventi da realizzare, in tutto il territorio regionale, per la riduzione del rischio idraulico e idrogeologico e nella misura del 40 per cento, al finanziamento di interventi da realizzare, nelle aree interessate dal prelievo, per l’ottimizzazione dell’uso dell’acqua, per la salvaguardia delle risorse idriche, per la ricarica di falde sotterranee e per la tutela delle fonti. Per questa seconda tipologia era già stato predisposto un programma di interventi per complessivi 21.500.000 euro, di cui 2.000.000 di euro, in attuazione dell’art. 54 della legge finanziaria, per l’istituzione del Fondo di garanzia per gli interventi nel settore idrico integrato, mirata all’attivazione di una specifica linea di accesso al credito a favore dei Gestori del servizio idrico integrato operanti nel territorio regionale, che consentirà agli stessi di proseguire nella realizzazione dei programmi degli interventi previsti nella pianificazione d’Ambito Territoriale Ottimale (Piani d’Ambito), potendo avere accesso alla liquidità necessaria, altrimenti non ottenibile. Per la costituzione del fondo di garanzia altri tre milioni saranno attinti da economie realizzate nell’utilizzo di fondi ministeriali e il restante milione di euro sarà messo a disposizione con un successivo provvedimento che sarà devoluto dalla provvista per gli interventi di supporto nell’accesso al credito in favore delle micro, piccole e medie imprese, in questo caso interessate alla realizzazione di opere del Servizio idrico integrato . “Una prima linea di finanziamento a favore dei gestori del Servizio Idrico Integrato – fa presente infine Conte - è già stata avviata da un raggruppamento di gestori veneti a totale controllo pubblico con Banca Europea degli Investimenti per 160 milioni di euro, con la spinta decisiva generata dall’anticipazione ponte garantita da Veneto Sviluppo, fornita in attesa del completamento delle procedure di messa in piena operatività del Fondo di Garanzia regionale”.

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Vai Su