• Facebook: assessore.maurizioconte
  • Picasa: maurizio.conte64
  • Twitter: contemaurizio
  • YouTube: contemaurizio
RSS Feed


Comunicati Stampa 2011

Comunicati Stampa 2011 (167)

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Per la manutenzione delle opere idrauliche appartenenti alla rete idrografica regionale, la giunta veneta su proposta dell’assessore alla difesa del suolo Maurizio Conte ha disposto il riparto tra le sette Unità di Progetto del Genio Civile delle risorse impegnabili nel bilancio di previsione per il 2011, pari a 6 milioni 970 mila euro. A ciascun Genio Civile sono stati assegnati quindi 970 mila euro, che andranno utilizzati esclusivamente per la progettazione e l’attuazione di lavori per il mantenimento e il ripristino di opere idrauliche esistenti. Ogni singolo Genio Civile provvederà a trasmettere alla Regione l’elenco degli interventi da realizzare nella provincia di sua competenza, per il successivo impegno di spesa.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto all’Ambiente

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Un importo complessivo di 410 mila euro è stato stanziato dalla giunta regionale per la realizzazione di interventi di difesa dei litorali, sulla base di impegni già assunti dalla giunta regionale nel 2010. Ne dà comunicazione l’assessore alla difesa del suolo Maurizio Conte precisando che 200 mila euro sono stati assegnati per il ripascimento del litorale di Cortellazzo, nel territorio del comune di Jesolo, ad integrazione del protocollo d’intesa sottoscritto il 10 febbraio scorso tra la Regione, l’amministrazione comunale e il Magistrato alle Acque. Gli altri 210 mila euro sono stati assegnati per il finanziamento delle attività previste per le annualità 2011-2012 nell’ambito del “Progetto di riqualificazione ambientale e turistica e riordino delle opere di difesa delle fasce costiere e delle foci fluviali tra Piave e Livenza – stralcio. ripascimento del litorale dei comuni di Eraclea e Caorle”. “Quest’ultimo – fa presente Conte - è stato condiviso con la associazioni di categoria del settore pesca e riguarda la riqualificazione ambientale e la produttività delle aree marine interessate dai lavori di dragaggio per il prelievo di sabbia. E’ un progetto pilota che risulta di particolare importanza in funzione dei futuri interventi di ripristino dei litorali soggetti ad erosione”.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto all’Ambiente

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Dal convegno dell’ANCI Veneto dello scorso mercoledì mi aspettavo pervenissero interventi riguardanti il patto stabilità o, nel caso del Sindaco di Padova, sulla gestione della massa di extracomunitari che staziona in ogni angolo della Città. Ma quale propagandista politicizzato Zanonato è tornato alla carica a favore del voto agli stranieri, argomento delicatissimo per un amministratore nella sua posizione e cioè incapace di gestire con rigore e dignità un’emergenza che un suo stesso Assessore ha definito non quantificabile. Solo Fini aveva saputo in tempi recenti mettere sul vassoio una proposta del genere con una tale ingenuità che più di metà del proprio elettorato gli ha detto addio. Ma il primo cittadino padovano, addirittura in veste di vicepresidente dell’ANCI, e quindi in rappresentanza dei sindaci del nostro paese, è riuscito ad insinuare il buonismo applicato al voto in una sede del tutto inopportuna. Forse il Partito Democratico vedendo i sondaggi nazionali, cerca il colpo gobbo tentando di portare a se l’elettorato straniero, obiettivo a cui punta dalla propria nascita; ma forse, il distacco dalla gente e dalle piazze, non fa capire al Partito di Bersani, che la gente comune non la intende alla stessa maniera. Probabilmente l’invito ad abbracciare i rom di Vendola e Pisapia ha creato una voglia ancor più accentuata di accoglienza e solidarietà da parte di Zanonato, il quale vuole, dopo appena 5 anni di presenza nel nostro paese, concedere il diritto di voto. I suoi goffi ed antidemocratici tentavi di imporre la figura degli stranieri nelle istituzioni è ben noto, recentemente, pur avendo già una consigliera rumena nella propria maggioranza, ha deciso di nominare un consigliere extracomunitario, non si capisce a che titolo o a che scopo, ma la presenza coreografica in consiglio rende bene l’idea di quanto buono sia il primo cittadino a spese dei contribuenti padovani. Insomma, l’apparenza e l’ideologia sono il carburante della politica di centro sinistra, il programma della maggioranza nazionale non prevedeva questo diritto, fare politica sfruttando un ruolo interno all’ANCI è giocare sporco.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto Lega Nord

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La giunta veneta ha avviato la riscrittura del Piano regionale dell’attività di cava (PRAC). Lo ha fatto con un provvedimento dell’assessore regionale Maurizio Conte che ha affidato questo incarico alla Direzione geologia e georisorse, che si occuperà contestualmente di predisporre anche l’aggiornamento della legge fondamentale per il settore estrattivo, risalente ormai al 1982. “Questa soluzione interna all’amministrazione – fa rilevare Conte – valorizza le strutture regionali” “Ma non è questa l’unica novità – sottolinea ancora Conte – in quanto, per contribuire alla stesura della proposta di piano, abbiamo deciso di istituire un “Laboratorio PRAC”, un tavolo di discussione aperto ai principali portatori di interessi, nel quale confrontarsi sugli obiettivi, le alterative, le scelte e i loro possibili effetti sul territorio. Non avrà compiti decisori, ma dovrà servire a costruire un percorso di confronto per giungere ad una formula finale condivisa”. Il “Laboratorio PRAC” sarà presieduto dal Segretario regionale all’ambiente e sarà composta da un rappresentante designato dall’Unione delle Province, dall’ANCI, dalle associazioni degli imprenditori, dalle associazioni ambientaliste e dall’ordine dei geologi del Veneto. Nella scorsa legislatura, una proposta di PRAC era stata adottata dalla giunta regionale e modificata a seguito delle controdeduzioni e delle osservazioni pervenute, ma non era stata poi approvata dal Consiglio regionale. “E’ quindi indispensabile – commenta Conte – che la Regione si doti di un adeguato strumento di pianificazione in questo settore, aggiornando anche la legge regionale in modo che sia allineata con gli ultimi sviluppi normativi e tecnici che hanno interessato il settore ambientale”. Secondo le indicazioni fornite dalla giunta regionale, il disegno di legge di revisione della normativa dovrà semplificare l’organizzazione istituzionale mantenendo, per i materiali di interesse regionale, il ruolo di programmazione e controllo della Regione e affidando alle Province le funzioni di programmazione e gestione. Conseguentemente anche il nuovo PRAC dovrà arrivare ad una scala di dettaglio tale da consentire il successivo livello di programmazione provinciale delle attività estrattive. Di questa impostazione è stata informata la competente commissione consiliare.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La scorsa domenica Pontida ha dato vita ad una nuova fase politica che concettualmente può essere associata all’inizio di una nuova Repubblica. Non è megalomania ma interpretazione della volontà degli elettori, i quali con i segnali pervenuti dalle urne e dal territorio hanno dato indicazioni ben precise ai partiti; la Lega Nord con questa giornata storica si è giocata molto, nello “scadenziario” che è stato predisposto sono stati indicati impegni e termini tutt’altro che propagandistici, gli step indicati avranno una funzione decisiva sulla crisi economica che stiamo affrontando e serviranno a mantenere saldi i rapporti di governo. Il rapporto diretto che si crea tra la base del Carroccio ed i vertici, nel prato bergamasco hanno trovato il proprio zenit, si è trasformato cioè nel momento di massimo confronto, ed i messaggi diretti al segretario Federali Bossi, sono stati interpretati nei 12 punti dello “scadenziario” padano. Riforma federalista approvata in meno di una anno e mezzo, tagli sulla spesa pubblica, maggiore autonomia fiscale e riduzione della pressione d’imposta. Ritiro dalla Libia e nuove leggi sull’immigrazione sono le azioni a cui la Lega Nord intende dar vita per contrastare il fenomeno dell’immigrazione clandestina per la quale già da ora, grazie al nuovo pacchetto sicurezza del Ministro Maroni, sarà possibile mettere in atto espulsioni meno vincolate da magistrati dallo slancio buonista che, giustificati da interpretazioni giuridiche ispirate a leggi comunitarie, hanno fino ad ora messo in pratica un accoglimento ingiusto ed indiscriminato. Un’analisi interna ha dimostrato, alla faccia di chi dava una Lega frammentata, un Movimento in ottima salute e graniticamente compatto per il quale i sondaggi politici vedono una percentuale in aumento, ma gli allori su cui adagiarsi non esistono, le scadenze tracciate avranno un seguito concreto, la sferzata è stata consumata, ora aldilà delle Camere, aspettiamo risposte puntuali dal Ministro Tremonti e dal Presidente Berlusconi.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto Lega Nord

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La vicenda Libica, ha in qualche modo, spostato l’asse della percezione politica degli elettori., tant’è che in maniera trasversale le critiche indirizzate al carroccio, che col Ministro Maroni detiene il Dicastero degli Interni, sono state bordate che il nostro Movimento mai si sarebbe aspettato di ricevere. Il Capo degli Interni da un’operazione di pattugliamento bilaterale raggiunta con il leader libico nel 2009 che vide addirittura la chiusura del cie di Lampedusa, dall’aprile di quest’anno, con i tumulti nordafricani si è trovato le mani strettamente legate dai trattati internazionali nella gestione di decine di migliaia di immigrati che nel nostro paese stanno giungendo per cercar fortuna. Le Province ed i Comuni sono stati coinvolti nella gestione di questi immigrati e gli amministratori hanno riscontrato forti difficoltà logistiche e politiche. La situazione doveva trovare un’evoluzione e, grazie al recepimento di norme europee, saranno allungati i tempi di permanenza nei Cie fino a 18 mesi anziché i 6 fino ad ora legittimati. Sarà uno strumento di controllo, un deterrente, alla clandestinità che il Governo potrà adoperare anche per garantire condizioni dignitose di supporto agli stranieri che nel nostro paese lavorano e risiedono regolarmente. Difatti le risorse che vengono impegnate per la gestione di questa emergenza non stanno assicurando una welfare dignitoso agli immigrati. Prefetti e sindaci sono impegnati nell’accoglienza ed i rimpatri procedono con lentezza. Grazie a questa nuova norma e ad una moratoria sul trattato di Shengen i rimpatri e le identificazioni potranno essere eseguiti con l’adeguata celerità, domenica a Pontida si giocherà anche questa partita.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto Lega Nord

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

E’ sensata la proposta del Vicesindaco di Padova Ivo Rossi il quale con un guizzo di ammirazione, considerazione ed altruismo intende candidare Flavio Zanonato alla Presidenza dell’ANCI intendendolo quale politico più indicato a ricoprire il ruolo massimo dell’Associazione nazionale. La sostituzione di Chiamparino non vede però nella politica ancora fradicia di ideologia buonista del Sindaco di Padova la soluzione più giusta, nel PD il volto della novità per un nuovo impulso non può di certo arrivare dalla nostra città, probabilmente la supposizione del primo cittadino fiorentino Renzi godrebbe di una reale concorrenzialità con i candidati degli altri schieramenti , in quanto aldilà di una provenienza politica scomoda e di una palese inadeguatezza all’ascolto trasversale, Zanonato potrà anche ben conoscere Padova, ma una gestione troppo politicizzata e in totale assenza di condivisione e partecipazione, non può essere di certo applicabile ad un Ente che attorno a questi principi crea il proprio scopo e mandato. Trovo dunque sensata la proposta di Ivo Rossi in quanto, pensa ad una personale candidatura a Sindaco nel prossimo mandato elettorale, cercando in tutte le maniere di esaltare e reclamizzare la figura dell’attuale borgomastro, senza volersi rendere conto che per la testa del Flavio, a questo punto, Nazionale, gira il nome di Ruzzante. Penso che se veramente il nord vuole pesare come le altre zone dello stivale, la candidatura di un Sindaco leghista potrebbe essere realmente la soluzione giusta, i nostri Sindaci rappresentano le realtà locali ed ormai una solida esperienza dai risultati innegabili.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto Lega Nord

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

“Il presidente Zaia ha lanciato un appello alla responsabilità: assicuratevi contro gli effetti degli eventi atmosferici. Ed il valzer delle critiche è piovuto con immediatezza da parte della politica. Ecco, il vero senso dell’irresponsabilità sono proprio questi attacchi”. A dirlo è l’assessore regionale alla difesa del suolo e all’ambiente Maurizio Conte, con riferimento ad alcune prese di posizione apparse oggi sulla stampa. “Con il suggerimento di correre ai ripari con un premio assicurativo che si aggira sull’ordine di qualche decina di euro – aggiunge Conte – il presidente ha cercato di dare un’indicazione di buon senso, un giusto compromesso a fronte degli enormi sforzi economici che già sono stati impegnati per il post-alluvione e che, in caso di analogo evento, potrebbero non essere più sufficienti. Mi associo dunque, condividendolo appieno, all’invito del presidente della Regione ad assicurarsi per simili evenienze (trombe d’aria, grandine, ecc.) e mi appello alla politica affinché non abbiano a ripetersi strumentalizzazioni come queste in una materia così delicata come la sicurezza” “Anche i cittadini, nel loro ambito privato – conclude Conte - devono dimostrare senso di responsabilità, non pensando che sempre e comunque le amministrazioni pubbliche abbiano sufficienti risorse per poter dar seguito alle loro, per quanto legittime, richieste. La Regione continuerà nella direzione di reperimento di risorse per il piano di messa in massima sicurezza idraulica, ma non sarà un obiettivo semplice e veloce da raggiungere. Ci vorrà tempo prima che il nostro territorio possa essere definito al sicuro. Fino a quel momento, anche i cittadini dovranno pensare a dotarsi di sistemi che mirino alla tutela dei propri beni”.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto all’Ambiente

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La Libia non è poi lontana e i riflessi negativi del momento bellico e di disordini che sta ora vivendo si ripercuotono in maniera diretta sul nostro paese, dunque, immigrazione, scambi economici e di materie prime infliggono duri colpi sugli italiani già provati da un momento economico sfavorevole. L’appello lanciato dal Ministro Maroni in questi giorni (e che con molta probabilità verrà scandito a gran voce anche sul pratone di Pontida), che riguarda la richiesta della Lega Nord di non rifinanziare la missione Italiana in Libia ha un significato profondo di buon senso e reale distensione. Il dovere della NATO è anche quello di garantire giustizia nei processi di pace e di assicurare dei leali rapporti paritari tra gli stati membri. Probabilmente il pasticciaccio libico in cui si è ficcato il nostro paese si è dimostrato non legittimo e sbilanciato sin dalle prime fasi, quando Francia, Stati Uniti ed Inghilterra hanno voluto imprimere una dubbiosa velocità nell’intervento nordafricano. La composizione dell’esercito dei ribelli non è mai stata chiara come del resto le motivazioni addotte per l’entrata in guerra, gli oltre 20.000 immigrati che si sono riversati sulle coste siciliane per poi essere spalmati su tutto il territorio nazionale hanno ulteriormente rafforzato la convinzione della maggior parte degli italiani che questo, come molti altri, si è dimostrato un conflitto inutile ed ingiusto. Le risorse economiche che sono e saranno investite per appoggiare questa scelta vengono erose da capitoli ministeriali, come quelli del Ministero dell’Interno, che mai come ora, dovrebbero essere utilizzati per la sicurezza interna. Credo che la via diplomatica che potrebbe portare al voto sotto l’egida attenta dell’ONU potrebbe risultare uno strumento adeguato di democrazia e ragionevolezza e che l’Italia debba chiudere i battenti in fatto di presenza militare se non per il pattugliamento bilaterale che potrebbe essere decretato da un’adeguata moratoria al trattato di Schengen.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto Lega Nord

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Difesa idraulica: a luglio conferenza di servizi per ex cava Bergamin nel trevigiano.
Ass. Conte: l’intervento contribuirà a prevenire conseguenze
delle piene sul territorio e a ricaricare falda acquifera

L’11 luglio prossimo è stata convocata presso il Genio Civile di Treviso una Conferenza di Servizi per la cassa di espansione che sorgerà presso l'ex cava Bergamin nel comune di Riese Pio X. Ne dà notizia l’assessore veneto alla difesa del suolo e all’ambiente Maurizio Conte, che sottolinea anche l’interessamento su questi temi del consigliere regionale Luca Baggio. Nell’ambito degli interventi finalizzati sia alla difesa idraulica del territorio, sia alla ricarica delle falde acquifere, la giunta regionale ha finanziato con circa due milioni di euro, assegnati al Consorzio di bonifica Piave, un progetto di sistemazione della ex cava Bergamin. “L’intervento – sottolineano Conte e Baggio - ha, in linea generale, due scopi: da un lato accogliere le acque del torrente Brenton quando dovesse verificarsi una situazione di piena; dall’altro provvedere a ricaricare la falda acquifera, dal momento che la zona presenta un terreno a forte permeabilità”. “In sede di Conferenza dei servizi – concludono Conte e Baggio - sarà esaminato il progetto definitivo, con le indicazioni per il completamento dell’intervento per la cassa di espansione che rientra a pieno titolo fra quelli individuati dalla Regione per contenere le gravi conseguenze di alluvioni come quella che ha colpito il Veneto tra la fine di ottobre e i primi giorni dello scorso novembre”.

Maurizio Conte

Assessore Regionale Veneto all’Ambiente

Luca Baggio

Consigliere Regionale e Presidente III Comm Cons Reg

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Pagina 10 di 12

Appuntamenti nel territorio

Elezioni Regionali del VENETO. domenica 31 maggio dalle 7.00 alle 23.00 Vota LISTA TOSI per il VENETO e scrivi CONTE


SEGUIMI SU FACEBOOK

SOSTEGNO AL REDDITO

FORME DI SOSTENGO AL REDDITO
FINANZIATE DALLA REGIONE VENETO

Un'iniziativa della Regione del Veneto destinata ai giovani tra i 15 e i 29 anni.

progetto giovani regione veneto

Clicca qui per leggere l'approfondimento sul tema

Lavori di pubblica utilità per soggetti ultratrentacinquenni, disoccupati e che non fruiscono di ammortizzatori sociali o di trattamento pensionistico.

Clicca qui per leggere l'approfondimento sul tema

Iscrizione Newsletter

Inserisci l'indirizzo email al quale desideri ricevere la newsletter:

Visualizza le precedenti uscite

Galleria Fotografica

Video

Cerca nel sito