• Facebook: assessore.maurizioconte
  • Picasa: maurizio.conte64
  • Twitter: contemaurizio
  • YouTube: contemaurizio
RSS Feed


Comunicati Stampa 2014

Comunicati Stampa 2014 (168)

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Gli investimenti nella Sanità in Veneto stanno proiettando la Regione verso un sistema ancora più ottimizzato nella spesa e migliorato nel servizio. Con la delibera di Giunta Regionale dell’Assessore alla Sanità Coletto, oggi approvata in Giunta, dal programma pluriennale degli investimenti, si è recuperato uno stanziamento economico destinato inizialmente all’ospedale di Borgo Trento (VR), assegnandolo per l’intervento di sopraelevazione dell’erigenda piastra servizi del complesso ospedaliero di Cittadella (PD). L’importo totale per la realizzazione completa dell’opera corrisponde ad euro 30.906.512 mln: con questa erogazione di 8.278.433 proseguiranno i lavori di sopraelevazione di un piano della erigenda piastra al fine di realizzare le nuove sale operatorie e, in copertura, la tanto attesa elisuperficie. Il tutto va quindi a ridurre l’indebitamento iniziale dell’Ulss che aveva acceso mutui per i medesimi importi. Per l’attenzione e la lungimiranza dimostrata intendo ringraziare pubblicamente l’Assessore alla Sanità Luca Coletto ed il Segretario regionale per la Sanità Domenico Mantoan i quali hanno ben capito come per il territorio servito dall’azienda ULSS 15, e sono ben 28 comuni, la realizzanda sopraelevazione della piastra, avrà un forte valore strategico e di servizio per un così ampio bacino d’utenza visto che tali strutture offrono anche attività ambulatoriali specialistiche, in un’ottica di specializzazione e valorizzazione di entrambi gli ospedali di Camposampiero e Cittadella.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La giunta regionale ha proceduto all’assegnazione di un milione di euro alla sezione bacino idrografico Adige Po (l’ex Ufficio del Genio Civile di Rovigo) per interventi di sistemazione e manutenzione del litorale da foce Adige a foce Po di Goro nei Comuni di Rosolina e Porto Tolle.. Ne dà comunicazione l’assessore all’ambiente e alla difesa del suolo facendo rilevare che l’assegnazione rientra nell’importo complessivo di cinque milioni e mezzo di euro previsto nel bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014 per la realizzazione di interventi di ripascimento, sistemazione e manutenzione dei litorali gravemente erosi in occasione delle mareggiate dei mesi di gennaio – febbraio. Con lo stesso provvedimento altri due milioni di euro sono stati destinati come contributi per opere di pulizia e smaltimento del materiale spiaggiato in occasione delle eccezionali mareggiate che hanno accompagnato il maltempo dei mesi scorsi. Il riparto fra i Comuni costieri interessati sarà effettuato con un successivo atto di impegno di spesa da parte degli uffici tecnici della Regione secondo i criteri già individuati. Nel corso dei mesi di gennaio–febbraio 2014 – sottolinea l’assessore alla Difesa del suolo Maurizio Conte - si sono verificati fenomeni meteo-marini lungo il litorale veneto e di tutto l’Alto Adriatico di eccezionale importanza e gravità che hanno fortemente danneggiato ed eroso ampi tratti degli arenili sabbiosi, creando anche dissesti alle opere in roccia realizzate da anni. Complessivamente nell’ultimo decennio la Regione ha finanziato interventi, sia di carattere strutturale e sia di carattere manutentivo dei litorali veneti in erosione, per complessivi 80 milioni di euro. Da una analisi effettuata dalla Sezione Difesa del Suolo – conclude l’Assessore Conte -, sulla base delle segnalazioni delle Sezioni bacino idrografico litorale veneto e bacino idrografico Adige PO – Sezione di Rovigo (ex Uffici del Genio Civile di Venezia e Rovigo), del Magistrato alle Acque di Venezia e dei Comuni costieri, gli interventi di manutenzione straordinaria necessari per ripristinare i danni sugli arenili erosi superano i 35 milioni di euro, che dovranno necessariamente essere realizzati per stralci funzionali in relazione alle risorse finanziarie e di sabbia effettivamente disponibili, in quanto la maggior parte di tali interventi riguardano lavori di ripascimento.

Maurizio Conte
Assessore Regionale del Veneto alla Difesa del suolo

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Un importo complessivo di cinque milioni e mezzo di euro è stato assegnato dalla giunta regionale per la realizzazione di interventi di ripascimento, sistemazione e manutenzione dei litorali gravemente erosi in occasione delle mareggiate dei mesi di gennaio – febbraio. Ne dà comunicazione l’assessore all’ambiente e alla difesa del suolo facendo rilevare che si tratta dell’importo previsto con queste finalità nel bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014. Con lo stesso provvedimento altri due milioni di euro sono stati destinati come contributi per opere di pulizia e smaltimento del materiale spiaggiato in occasione delle eccezionali mareggiate che hanno accompagnato il maltempo dei mesi scorsi. Il riparto fra i Comuni costieri interessati sarà effettuato con un successivo atto di impegno di spesa da parte degli uffici tecnici della Regione secondo i criteri già individuati. Nel corso dei mesi di gennaio–febbraio 2014 – sottolinea l’assessore Conte- si sono verificati fenomeni meteo-marini lungo il litorale veneto e di tutto l’Alto Adriatico di eccezionale importanza e gravità che hanno fortemente danneggiato ed eroso ampi tratti degli arenili sabbiosi, creando anche dissesti alle opere in roccia realizzate da anni. Complessivamente nell’ultimo decennio la Regione ha finanziato interventi, sia di carattere strutturale e sia di carattere manutentivo dei litorali veneti in erosione, per complessivi 80 milioni di euro. Da una analisi effettuata dalla Sezione Difesa del Suolo, sulla base delle segnalazioni delle Sezioni bacino idrografico litorale veneto e bacino idrografico Adige PO – Sezione di Rovigo (ex Uffici del Genio Civile di Venezia e Rovigo), del Magistrato alle Acque di Venezia e dei Comuni costieri, gli interventi di manutenzione straordinaria necessari per ripristinare i danni sugli arenili erosi superano i 35 milioni di euro, che dovranno necessariamente essere realizzati per stralci funzionali in relazione alle risorse finanziarie e di sabbia effettivamente disponibili, in quanto la maggior parte di tali interventi riguardano lavori di ripascimento. La giunta regionale ha quindi proceduto all’assegnazione delle risorse stanziate per questa finalità nel bilancio di previsione 2014 e, nello specifico, un milione e mezzo di euro va alla Sezione bacino idrografico litorale veneto (l’ex Ufficio del Genio Civile di Venezia) per interventi di sistemazione e manutenzione del litorale da foce Piave a foce Tagliamento, nei Comuni di Eraclea, Caorle e San Michele al Tagliamento. Alla sezione bacino idrografico Adige Po (l’ex Ufficio del Genio Civile di Rovigo) va un milione di euro per interventi di sistemazione e manutenzione del litorale da foce Adige a foce Po di Goro nei Comuni di Rosolina e Porto Tolle. Tre milioni di euro complessivo sono stati attribuiti al Magistrato alle Acque di Venezia, che li utilizzerà nella misura di due milioni per interventi di sistemazione e manutenzione del litorale nei Comuni di Jesolo e Cavallino-Treporti e di un milione di euro per interventi di sistemazione e manutenzione del litorale in Comune di Chioggia.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto alla Difesa del suolo

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

A completamento dei lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza di due tratti di muri di contenimento in destra e sinistra del canale Vigenzone a valle dell’Arco di Mezzo nel territorio del Comune di Battaglia Terme in provincia di Padova, sarà realizzato un ulteriore intervento di consolidamento delle fondazioni dei due tratti di murature gravemente danneggiate, mediante realizzazione di una struttura di sostegno (berlinese) di micropali in cemento armato al piede dei muri. L’importo previsto è di 260 mila euro. Ne dà comunicazione l’assessore regionale alla difesa del suolo e all’ambiente. _Le reiterate perturbazioni che si sono succedute sul bacino idrografico del Bacchiglione nei mesi scorsi hanno determinato un susseguirsi di eventi di piena culminati con la piena della prima decade di febbraio che ha fatto registrare all'idrometro di Ponte Chiodare sul canale Vigenzone in data 04.02.2014 la quota di m. 8,74, superando di dieci cm. quella del 1966. Tra le conseguenze, il comune di Battaglia Terme ha chiesto la verifica della stabilità di due tratti di muri di contenimento del canale in corrispondenza dei quartieri Ortazzo e Pescheria. A seguito dei sopralluoghi effettuati era stato autorizzato un primo intervento urgente per la messa in sicurezza dei due tratti in questione. Si procede ora al consolidamento delle fondazioni e successivamente al restauro delle murature in elevazione e la pulizia dell’alveo da materiali alluvionali e dalle piste provvisionali eseguite con il primo intervento.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto alla Difesa del suolo

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La Regione, attraverso gli uffici tecnici, realizzerà un intervento urgente per il ripristino della sagoma arginale in destra idraulica del fiume Bacchiglione a monte del ponte di Cà Pasqua in comune di Chioggia (Venezia). L’importo stimato per la realizzazione dell’intervento è di 250 mila euro. Ne dà comunicazione l’assessore regionale alla difesa del suolo e all’ambiente. Nel corso delle intense precipitazioni e degli eventi di piena che hanno interessato il bacino del Bacchiglione nei mesi scorsi sono state segnalate diverse criticità sull'arginatura del fiume. A seguito dei sopralluoghi effettuati dalla sezione di Padova che si occupa del Bacino Idrografico Brenta Bacchiglione, tra i lavori urgenti da avviare è stato inserito anche questo a monte del ponte di Ca’ Pasqua, che consiste nella posa di pietrame su un tratto di arginatura di circa 200 metri.

Maurizio Conte
Assessore Regionale del Veneto alla Difesa del suolo

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Promuovere il corretto uso dei biocombustibili legnosi a scala domestica attraverso campagne informative; contenere l’impatto ambientale dovuto all’utilizzo delle biomasse, sostenendo l’uso di legna, pellet e biomasse agroforestali di qualità certificata e favorendo l’utilizzo di materie prime di origine locale, secondo processi produttivi che coniughino la sostenibilità ambientale con lo sviluppo socio-economico delle comunità locali: Sono questi alcuni degli obiettivi che si pone il Protocollo d’Intesa fra la Regione e l’Associazione Italiana Energie Agroforestali – AIEL, approvato in questi giorni dalla giunta veneta. Nel darne comunicazione l’assessore regionale all’ambiente sottolinea come l’utilizzo di pellet e legname per il riscaldamento domestico sia in forte aumento anche a causa della crisi economica. “E’ importante quindi garantire – aggiunge - che tale scelta dei cittadini sia conforme agli obiettivi di miglioramento della qualità dell’aria che la nostra Regione sta perseguendo in accordo con le altre regioni del Bacino padano e che sono ricompresi nel Piano regionale di Tutela e di Risanamento dell’Atmosfera”. L’accordo ha anche un’importante declinazione sul tema energetico. Prevede infatti la promozione delle migliori tecnologie di conversione energetica in sostituzione dei vecchi e obsoleti generatori di calore, prendendo come riferimento i requisiti tecnico-ambientali del Conto Energia Termico e quindi sviluppando importanti e ancora poco conosciute opportunità offerte da questo nuovo sistema di incentivazione per l’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Maurizio Conte
Assessore Regionale del Veneto alla Tutela dell'aria

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

E’ stato approvato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale del Veneto il nuovo Piano per la gestione dei rifiuti urbani e speciali. Il Piano, rivisto a seguito delle oltre 80 osservazioni presentate dai cittadini, comitati e associazioni (concentrate prevalentemente sull’articolazione della rete impiantistica) e dopo il via libera della procedura di Valutazione di Ambientale Strategica, è stato ora inviato al Consiglio regionale per il prosieguo dell’iter di approvazione definitiva. “Per la prima volta – afferma l’assessore all’ambiente della Regione del Veneto – il Veneto ha un Piano che disciplina congiuntamente i rifiuti urbani e speciali e sancisce, inoltre, che non sarà realizzata nel territorio regionale nessuna nuova discarica ma si andrà all’esaurimento di quelle esistenti”. “Il Piano – prosegue l’assessore – evidenzia l’altissima percentuale di raccolta differenziata, che in Veneto si assesta ben al di sopra degli obiettivi indicati dall’Europa. In più, emerge come, agendo alla fonte, si cerchi di minimizzare la produzione di rifiuti e di garantire, in seconda battuta, il riutilizzo della materia recuperabile ricavandone materia prima alternativa e, dove questo non sia possibile, energia”. L’assessore conclude sottolineando che “si danno risposte esaustive con impianti di recupero sia per i rifiuti urbani ma, vera novità, anche per i rifiuti speciali. Inoltre, per la prima volta, il piano rifiuti affronta organicamente il tema delle bonifiche”.

Maurizio Conte
Assessore Regionale del Veneto alla Programmazione per la salvaguardia Ambientale

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

E’ previsto a giorni l’avvio dei lavori per un intervento urgente sulla scalinata che collega i murazzi in sinistra idraulica del fiume Bacchiglione nel comune di Pontelongo (Padova), per un importo massimo di 40 mila euro. L’assessore veneto alla difesa del suolo fa presente che la relativa comunicazione è già stata trasmessa all’amministrazione comunale dagli uffici tecnici della Regione, nello specifico la sezione padovana competente per il bacino idrografico Brenta Bacchiglione. “Gli stessi uffici – aggiunge l’assessore – stanno proseguendo con il monitoraggio delle opere idrauliche e dei danni provocati nel territorio provinciale dal maltempo dei mesi scorsi, dando corso alle indagini e ai rilievi finalizzati alla progettazione degli interventi da realizzare”. Per quanto riguarda l’intervento specifico a Pontelongo, per esigenze conseguenti all’esecuzione dei lavori è stata richiesta al comune un’ordinanza di modifica della circolazione del traffico su via Roma, riducendo il transito dei mezzi su una sola carreggiata, con la soppressione provvisoria anche della fermata dell’autobus in prossimità della scalinata.

Maurizio Conte
Assessore Regionale del Veneto alla Difesa del suolo

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

La Commissione regionale VIA ha espresso oggi giudizio favorevole di compatibilità ambientale e approvato il progetto di opera di invaso - cosiddetta “Anconetta” - sul fiume Agno-Guà-Santa Caterina nei Comuni di Sant’Urbano e Vighizzolo d’Este, in provincia di Padova. A renderlo noto è l’assessore veneto alla difesa del suolo e all’ambiente, precisando che dovrà seguire ora il provvedimento di approvazione da parte della giunta regionale per consentire il proseguimento dell’iter dell’opera che è in attesa di finanziamento. L’intervento rientra tra le opere di difesa idraulica previste dalla Regione dopo l’alluvione del 2010. Finora sono stati realizzati circa mille interventi tra grandi e piccoli in poco meno di 240 comuni, per un importo di quasi 400 milioni di euro. Ma il “Piano delle azioni e degli interventi di mitigazione del rischio idraulico e geologico” prevede interventi strutturali per complessivi 2,7 miliardi di euro. La giunta regionale ha individuato come interventi prioritari i bacini di laminazione. Il progetto per la cassa di espansione “Anconetta” ricade all’interno del bacino Brenta-Bacchiglione-Gorzone e prevede la possibilità di invasare circa 4 milioni di metri cubi su una superficie di 140 ettari. ubicata tra i due comuni padovani. L’importo dei lavori è pari a circa 7,5 milioni di euro, mentre il costo complessivo dell’intervento, per oneri di esproprio, spese tecniche e di collaudo, oneri fiscali e di legge in aggiunta ai lavori, è di circa 14,6 milioni di euro. La durata dei lavori, una volta appaltati, è stimata in 18 mesi.

Maurizio Conte
Assessore Regionale del Veneto alla Difesa del suolo

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Il tritacarne di Report punta su Verona, con tutto il settarismo in autotutela delle sinistre che lo accompagna. Chi ha avuto l’occasione di visionare i filmati forniti alla stampa sul caso in questione, avrà potuto riscontrare come il salvataggio in extremis della Gabanelli si sia basato interviste raffazzonate e testimonianze campate per giustificare un comportamento, quello del giornalista (se così può essere ancora definito) Ranucci, il quale per innescare il trappolone per il Sindaco Tosi aveva proposto l’acquisto di un fantomatico filmato sulla vita personale del Primo cittadino di Verona a spese dei contribuenti. Dopo decine d’anni di sopportazione di un servizio viziato delle TV nazionali che dovrebbero appartenere a tutti noi ma che di fatto sono il volto della lottizzazione politica, e dopo un simile esempio di tribunale mediatico di stampo sovietico, credo che la non sopportazione di questo Stato delle furberie debba essere convogliata anche sulla gabella TV e cioè sull’improprio canone RAI che non deve essere corrisposto per un servizio che a tutti gli effetti non ci appartiene. Ciliegina sulla torta arriva da una denuncia evidenziata in un comunicato dall’on Davide Caparini: “Il cosiddetto “Semplifica Italia” approvato dal governo Monti nel 2012 - spiega Caparini - stabilisce che il canone per l'utilizzo delle frequenze non sarà più pagato da Rai e Mediaset in base al fatturato sulla base di quantità e qualità delle frequenze. Insomma un gran regalo per Rai e Mediaset. Omaggio minimo: 20 milioni l’anno. Quindi, contro l’informazione di Stato viziata e radiocomandata dalle Segreterie di Partito e per una sana informazione pluralista equidistante dalle imposizioni della politica è giusto che i Veneti, già da quest’anno disdicano, nelle forme previste dalla Legge, l’abbonamento RAI.

Maurizio Conte
Vicesegretario Lega Nord Veneto

Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com
Pagina 9 di 12

Appuntamenti nel territorio

Elezioni Regionali del VENETO. domenica 31 maggio dalle 7.00 alle 23.00 Vota LISTA TOSI per il VENETO e scrivi CONTE


SEGUIMI SU FACEBOOK

SOSTEGNO AL REDDITO

FORME DI SOSTENGO AL REDDITO
FINANZIATE DALLA REGIONE VENETO

Un'iniziativa della Regione del Veneto destinata ai giovani tra i 15 e i 29 anni.

progetto giovani regione veneto

Clicca qui per leggere l'approfondimento sul tema

Lavori di pubblica utilità per soggetti ultratrentacinquenni, disoccupati e che non fruiscono di ammortizzatori sociali o di trattamento pensionistico.

Clicca qui per leggere l'approfondimento sul tema

Iscrizione Newsletter

Inserisci l'indirizzo email al quale desideri ricevere la newsletter:

Visualizza le precedenti uscite

Galleria Fotografica

Video

Cerca nel sito