Newsletter Assessore all'Ambiente Regione Veneto Maurizio Conte
 Seguimi su
facebooktwitter youtube
editoriale

 Leggi l'ultima copia de
"La Voce della Gente Veneta"

news

notizie


Il voto padovano e la Lega Nord

notizie


A Padova c'è una tendopoli gestita da Rifondazione Comunista

notizie

Sportello unico a Belluno per funzioni di gestione del demanio idrico provinciale e regionale

Incontri pubblici calendario
Opportunità finanziarie e concorsi regionali
Visita il mio sito web homepage
Scrivimi una mail mail
archiviofoto

 Raccolta fotografica
WEB

 
incontri nel territorio

 Raccolta fotografica
divisa per comune

Calendario incontri Web
Collegamenti
solealpi Lega Nord
solealpi Lega Nord Veneto
solealpi Lega Nord Padova
solealpi Movimento Giovani Padani
solealpi Radio Padania
solealpi Tele Padania

 

Il voto padovano e la Lega Nord
 

La lettura che si pone dopo i risultati elettorali è nitida, il Veneto tiene le proporzioni sulle precedenti tornate elettorali. Un netto distacco del centrodestra sulla sinistra, con la novità, che ha poco il sapore di freschezza e tanto di rimescolamento, del terzo polo, un soggetto senza identità che ha dimostrato una labile robustezza. Il Carroccio ha dato ancora una volta prova di tenuta quindi e sulla provincia di Padova si è riscontrata una presenza capillare del Movimento, non ha ottenuto singoli risultati brillanti ma si è confermato il radicamento di moltissimi consiglieri comunali. La Lega Nord insomma esiste e non si nasconde dietro simboli civici o liste civetta, non ha cambiato nome mettendo in forte risalto l’identità politica del simbolo che a livello nazionale possiede la storia più lunga e coerente negli obiettivi programmatici. Il trend di crescita percentuale che da anni sta vivendo il Movimento ha trovato un riscontro anche questa volta. Rimanagono aperte ora, con i ballottaggi, importantissime realtà come Este dove l’on. Goisis, candidata alla carica di Sindaco fornirà finalmente ad una delle Città più importanti della Provincia la possibilità di rompere una sistema immobile di sinistra che ha creato una gestione per nulla attenta alle necessità degli estensi. Ritengo che il buon senso che coinvolgerà l’elettorato degli esclusi al ballottaggio e di altre aree politiche non farà perdere l’occasione alla comunità di questo grosso centro della bassa padovana di portare finalmente una squadra preparata e capace al governo di Este. Montagnana è stata invece un testimonianza importante, un messaggio chiaro da parte dei cittadini, che anche se si sono trovati di fronte un lista/correntone che andava dal PdL al PD non si sono fatti incantare dalle chimere, il giusto appeal è stato creato dalla lista composta da Lega Nord e civiche e anche in questo caso la coerenza ha pagato. L’essersi presentati da soli in molti comuni senza arrivare all’elezione di primi cittadini ha comunque confermato la presenza di uomini e di un simbolo sul territorio siglando una costanza che va aldilà del voto e delle amministrazioni. Eravamo anche coscienti che alcune squadre avrebbero avuto poche chance ma i risultati hanno confermato che la Lega Nord è fortemente radicata ormai in tutti i Comuni e che anche se si trova in opposizione contribuisce con la politica del buon senso con i propri rappresentanti.

 

A Padova c'è una tendopoli gestita da Rifondazione Comunista.
Solo qui succedono simili
papocchi amministrativi


Il fai da te pare sia il sistema più congeniale all'amministrazione di Padova per affrontare le questioni legate all’emergenza immigrati. All’ex scuola Gabelli abbiamo assistito ad una prova di alto dilettantismo da parte del Sindaco Zanonato il quale dopo mesi di impegno profuso nello screditare e ridicolizzare l’operato attento ed insistente del Ministro Maroni nel trattare il flusso umano dal nord africa lascia al caos e al caso la permanenza degli immigrati nella sua Città. L’amministrazione si è limitata a dare alloggio ai minori, il minimo obbligo previsto dalla legge. Caso più emblematico per questa situazione è quello della tendopoli autogestita che si trova nel giardino dell’ex scuola Gabelli, un insediamento fuori dalle regole e dal controllo dell’amministrazione, gestito e curato dalla “Brigata di solidarietà attiva” e Rifondazione Comunista e dove il Comune pare sia intervenuto esclusivamente per la distribuzione dei pasti. E’ una situazione paradossale e ridicola, la gestione di un campo di immigrati lasciata ad un partito politico e al buon cuore di parrocchie, cittadini ed associazioni. A pensare che alla gestione di una tragica emergenza ci sia il partito comunista ci fa però ricordare che siamo a Padova dove l’improvvisazione sembra sia la linea coerentemente più sfruttata da Zanonato per evitare assunzioni di responsabilità. La Presidente del Consiglio Ruffini dichiara che se non ci fosse rifondazione a gestire questa tendopoli gli immigrati finirebbero nelle mani degli spacciatori, una dichiarazione gravissima, che intende indicare una propensione all’illegalità, in questo caso allo spaccio di droga, da parte dei nordafricani. L’Assessore Stival dice che queste cose succedono solo a Padova, ed ha tristemente ragione, qui c’è un Sindaco che si affretta a commemorare Arrigoni, corre contrito al cospetto del Santo Padre e che, verba sua, nei primi momenti dell’emergenza dichiarò: “ c’è la necessità di risposte all'altezza del passaggio storico che stiamo vivendo”. Deduco quindi che la risposta alle moltissime presenze di immigrati clandestini e non a Padova, che non si limita dunque ai soli trenta presenti nel ex istituto Gabelli, sia quella di affidare a rifondazione comunista la patata bollente chiedendo aiuto alla protezione civile regionale, continuando magari a prendersela con la Lega Nord e lasciare, ancora una volta, la soluzione dei problemi ai cittadini padovani.

 

Sportello unico a Belluno
per funzioni di gestione del demanio idrico provinciale e regionale

 

Ulteriore passo nel percorso di riconoscimento della specificità della provincia di Belluno in funzione del miglior servizio ai cittadini. Questa mattina, alla fiera Longarone il presidente dell’amministrazione provinciale Giampaolo Bottacin e l’assessore regionale alle politiche dell’ambiente Maurizio Conte hanno firmato una convenzione per la costituzione dello Sportello Unico del Demanio Idrico. Erano presenti anche il sindaco Roberto Padrin, l’assessore provinciale Roberto Zanolla e il responsabile del Genio Civile Regionale bellunese. Le funzioni relative alla gestione della risorsa idrica nel bellunese sono state affidate alla Provincia con Legge regionale del 2006, compreso il trasferimento delle risorse equivalenti ai proventi dei canoni. L’applicazione del trasferimento è stata disciplinata con delibere regionali degli ultimi anni. Alla Regione rimangono per il momento le cosiddette “derivazioni di rilevanza regionale” (derivazioni interregionali o interprovinciali, quelle servite dagli invasi maggiori, quelle che trasferiscono l’acqua da un bacino all’altro e quelle non isolabili).Al di là della suddivisione in “burocratese”, è stato comunque deciso di attivare un unico sportello per gli utenti che devono mettersi in contatto con le strutture preposte al demanio idrico, sia che questo sia di competenza provinciale, sia che sia regionale, proprio per dare ai cittadini una risposta comunque univoca e trasparente rispetto alle loro esigenze. L’attivazione dello sportello unico – ha sottolineato Conte permette inoltre di ottimizzare i procedimenti amministrativi, di raggiungere maggiori livelli di efficienza ed economicità e di dare una formazione innovativa al personale addetto. Lo sportello unico avrà compiti di istruttoria di tutti i procedimenti relativi a concessioni di grandi e piccole derivazione di acqua, istanze di riconoscimento e concessioni preferenziali, ricerca, estrazione e utilizzazione delle acque sotterranee e tutela del sistema idrico sotterraneo, nonché dei procedimenti già avviati sia dalla Provincia sia dalla Regione. Lo sportello provvederà inoltre al calcolo e alla riscossione dei canoni di concessione per conto della Provincia e alla gestione dei contenziosi. I locali di questo servizio, compresi quelli destinati all’archivio “storico”, verranno messi a disposizione dall’amministrazione provinciale. Per il funzionamento dello sportello, Regione e Provincia assegneranno a proprie spese due dipendenti ciascuna.

 

 

 

calendario
venerdì 20
maggio
ore 20:30
Incontro con Lega Nord Sezione Due Carrare - Ristorante "Alle Querce" via San Pelagio 95, Due Carrare (PD)
mercoledì 25
maggio
ore 10:00
Presentazione Annuario dati ambientali 2010, ISPRA - Auditorium ISPRA Via Curtarone 7, Roma
giovedì 26
maggio
ore 21:00
Incontro pubblico
di ARPAV sull’educazione ambientale
Presso Piazza dei Signori, Padova
domenica 29
maggio
ore 10:00
Sportivando 2011
Fiera dello sport
di San Martino di Lupari
Viale Europa
San Martino di Lupari (PD)
domenica 19
giungo
ore 8:00
Raduno Lega Nord
PONTIDA 2011
Pontida (Bergamo)

Hai un account google?
Ricevi il google calendar di Maurizio Conte 
 

   
Spot Lega Nord Veneto youtube
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Elezioni Amministrative 2011
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Alluvione novembre 2011
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Interventi contro la disoccupazione
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Nuove imprese giovanili, Veneto
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Aiutiamo l'economia a ripartire
   

Incontri sul territorio

archiviofoto
archiviofoto

Venerdì 13 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este

archiviofoto

Venerdì 13 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Arzergrande

archiviofoto

Venerdì 6 maggio
Convegno Federalismo Fiscale a Tombolo dal tema:
"Federalismo Fiscale opportunità o necessità"

archiviofoto

Venerdì 6 maggio
Visita cantieri forestali in provincia di Belluno

archiviofoto

Venerdì 1 aprile
Incontro Lega Nord circoscrizione camposampierese:
"I VANTAGGI DEL FEDERALISMO"

archiviofoto

Mercoledì 30 marzo
Inaugurazione fiera HYDRICA
Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente

archiviofoto

Mercoledì 30 marzo
Convegno Albo Cavatori: "Regole urgenti per il settore estrattivo"

archiviofoto

Venerdì 18 marzo
Cena conviviale con la sezione Lega Nord di Agna
e la circoscrizione del Piovese

 

Opportunità finanziarie, concorsi regionali e B.U.R.

Di seguito, in aggiornamento, il notiziario delle opportunità finanziarie per l'anno 2010. Si rammenta che le novità sono evidenziate in giallo. Si sottolinea, infine, per maggior comprensione, che il file relativo delle opportunità finanziarie è stato suddiviso tra bandi pubblici e privati.

Lo scopo di queste mail sarà esclusivamente  di carattere informativo verso tutte le attività della Giunta e del Consiglio Regionale nonché su argomenti inerenti la politica locale e nazionale. Come cadenza di invio mi aspetto di non superare 1-2 mail al mese. Vi ricordo che questo sarà un ulteriore strumento  per recepire dai lettori consigli, suggerimenti e richieste. Gli indirizzi e-mail a cui viene spedita questa comunicazione provengono da elenchi e servizi di pubblico dominio, o pubblicati in Internet, o da contatti personali. In ottemperanza alla vigente normativa sul trattamento dei dati personali, in ogni momento è possibile esercitare tutti i diritti previsti inclusa la richiesta di modifica o cancellazione dei dati presenti nell’archivio. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse o gradimento è possibile effettuare la cancellazione del proprio indirizzo e-mail dalla lista di distribuzione cliccando qui.

Non vedi bene questa mail? Guardala nel browser.