Newsletter Assessore all'Ambiente Regione Veneto Maurizio Conte
 Seguimi su
facebooktwitter youtube
editoriale

 Leggi l'ultima copia de
"La Voce della Gente Veneta"

news

notizie


Ai Referendum sull’acqua voterò si

notizie


Sistema SISTRI un avvio frazionato

notizie

Arpav conferma che non c'e' nessun pericolo diossina sul Lago di Garda

notizie

Ribadito l’impegno della giunta veneta per gli operai forestali dagli Assessori Conte e Manzato

notizie

Zanonato supporter di Pisapia o esperto di bottellon ma Sindaco poche, rare, volte!

Incontri pubblici calendario
Opportunità finanziarie e concorsi regionali
Visita il mio sito web homepage
Scrivimi una mail mail
archiviofoto

 Raccolta fotografica
WEB

 
incontri nel territorio

 Raccolta fotografica
divisa per comune

Calendario incontri Web
Collegamenti
solealpi Lega Nord
solealpi Lega Nord Veneto
solealpi Lega Nord Padova
solealpi Movimento Giovani Padani
solealpi Radio Padania
solealpi Tele Padania

 

Ai Referendum sull’acqua voterò si
 

Sulla prima e sulla seconda scheda referendaria io voterò SI’. Sul primo quesito sulle modalità di affidamento con gara a privati dei servizi pubblici di rilevanza economica e sul secondo, quello che vuole la cancellazione delle norme inserite dall’allora compagine dell’ex Premier Prodi sulla quantificazione tariffaria del servizio idrico integrato basata sull’adeguata remunerazione del capitale investito, non ho dubbi, scriverò SI’. La filosofia con cui si erano impostati i decreti legge sulla gestione idrica ha un obiettivo molto chiaro e cioè quello di mettere in competizione una pluralità di candidati gestori, ma, in Veneto, la risorsa acqua è concepita come un elemento prezioso, proprio per questo, da almeno 10 anni si sta cercando di affrontare la questione del rapporto tra disponibilità idrica e fabbisogno. Fin dal 1989 (legge 183) si sono sviluppate direttive e norme, comunitarie, statali m anche regionali, che hanno dato luogo ad azioni concrete da parte delle regione, tese a tutelare la risorsa idrica disponibile e razionalizzare gli usi della stessa. Infine, con l’adozione e approvazione del Piano di tutela delle acque (PTA) la Regione Veneto ha fissato un chiaro ed efficace quadro normativo che consente di pianificare l’ottimale gestione delle acque. Son convinto che l’acqua sia un bene vitale e come tale non può essere soggetto a logiche di mercato o di speculazione, ma dev’essere garantito a tutti con la stessa quantità, qualità e fruibilità; pertanto, la partecipazione del privato non può prescindere dalla garanzia del controllo pubblico. Se parliamo di investimenti per interventi che con risorse pubbliche non riusciamo a realizzare, di investimenti che garantiscono una rete acquedottistica adeguata e che non disperda la preziosa risorsa, penso che un dialogo possa esserci con i privati, sotto questo punto di vista si può anche studiare l’inserimento di un’ottica imprenditoriale, la finalità rimane però quella dell’utilità pubblica del servizio. Il popolo Veneto ha dimostrato una fortissima sensibilità per la gestione dell’acqua ha mostrato una fortissima sensibilità per la gestione dell’acqua. La regione vuole avere un reale potere decisionale, di fronte al rischio che società straniere possano farla da padrone nelle nostre gare per la gestione abbiamo la necessità di rendere competitivi i gestori del sistema idrico. Per quanto riguarda poi la tariffa, in prospettiva l’obiettivo è di arrivare ad una tariffa unica regionale per l’acqua, nella quale possa essere inserita anche una quota per il costo del deflusso per le acque meteoriche dai centri urbani, per dotare gli enti locali delle risorse per gli interventi necessari. Insomma, non servirebbero referendum, gli amministratori della nostra Regione e del Governo centrale hanno già ricevuto il mandato dai propri elettori per poter decidere anche in merito alla questione acqua, dove, ribadisco il controllo dovrà rimanere pubblico; la politica ha il dovere di fare questa scelta che in questo caso dovrà essere anche di risparmio.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Lega Nord

 

Sistema SISTRI un avvio frazionato


Apprendo con piacere, condividendo pienamente la scelta attuata, che ieri è stata raggiunta un’intesa fra il Ministero dell’Ambiente e le principali organizzazioni imprenditoriali (Confindustria e Rete Imprese), per rimodulare l’entrata in funzione del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi. Pur condividendo la valenza del Sistri quale strumento di tracciabilità e legalità nel campo di gestione dei rifiuti, tale scelta rappresenta la soluzione positiva alle problematiche insite nell’utilizzo iniziale dei nuovi sistemi elettronici di tracciabilità dei rifiuti (Sistri), evidenziate anche nel corso della prova generale di avvio definita “ click day”, e che più volte ho avuto modo di cogliere e condividere in occasione di incontri con le Associazioni dei soggetti coinvolti. L’entrata in vigore “frazionata” del SISTRI consentirà così un progressivo collaudo della procedura, evitando di creare disfunzioni alle aziende e favorendo una progressiva confidenza delle stesse con le nuove procedure elettroniche. Confermo da parte mia l’impegno dell’Amministrazione Regionale a sostenere ogni tipo di iniziativa che nell’interesse della salute delle persone e dell’ambiente possa potare ad una corretta gestione dei rifiuti, ossia ad uno degli obiettivi primari del SISTRI . Non dobbiamo dimenticare inoltre che l’entrata in vigore del sistema non deve aumentare la burocrazia a discapito delle nostre imprese che già vivono un momento di forte crisi economica.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

Arpav conferma che non c'e' nessun pericolo diossina sul Lago di Garda
 

Rientra l’allarme diossina nel Lago di Garda. “Abbiamo subito dato l’incarico ad Arpav di controllare e monitorare la situazione e, vedendo i risultati, mi sento di rassicurare tutti: dai dati a nostra disposizione – spiega l’assessore regionale all’ambiente Maurizio Conte – non ci sono indicazione di fonti di inquinamento specifiche e i dati rilevati sono confrontabili con i valori normalmente presenti nel suolo, derivanti, lo ricordo, dalla presenza di queste sostanze. Posso assicurare comunque che continueremo a valutare e monitorare la situazione per garantire la sicurezza, ma dal punto di vista ambientale ribadisco che non sono state riscontrate situazioni di rischio”. Notizie confortanti quindi anche per quanto riguarda il turismo del Lago di Garda, sul quale interviene l’Assessore Marino Finozzi: “stiamo puntando moltissimo allo sviluppo e alla valorizzazione del Lago di Garda come tematismo turistico, addirittura con un progetto di eccellenza interregionale finanziato dal Ministero al Turismo, e allarmi come questi sono un motivo in più per monitorare accuratamente la situazione della balneabilità delle coste. Ed è proprio di ieri la conferma da parte dell’Arpav che tutti i comuni presi in esame che si affacciano sul lago, Bardolino, Lazise, Castelnuovo del Garda e Peschiera sono stati promossi a pieni voti con la bandiera blu, e oggi gli esiti dei controlli effettuati, che confermano che non sussiste nessun pericolo diossina, ci confortano una volta di più. Rinnovo quindi l’invito a tutti i turisti che amano il lago a venire a trascorrere le vacanze sul Lago di Garda”.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

 

 

Ribadito l’impegno della giunta veneta per gli operai forestali dagli
Assessori Conte e Manzato

 

Massimo impegno per reperire con l’assestamento del bilancio regionale tutti i fondi che servono per garantire i livelli occupazionali degli operai forestali, anche stagionali, che lavorano per i Servizi Forestali Regionali, il Parco regionale dei Colli Euganei, Veneto Agricoltura e i consorzi bonifica. Lo hanno ribadito ieri gli assessori regionali all’ambiente Maurizio Conte e ai Parchi Franco Manzato, che sulla questione del futuro di questi lavoratori hanno incontrato a palazzo Balbi i rappresentanti sindacali regionali di FAI CISL, FLAI CGIL e UVILA UIL. La questione si rifà alle risorse disponibili per coprire il costo dei contratti di lavoro, che devono garantire agli stagionali un numero minimo di giorni lavorativi l’anno per produrre effetti durevoli sul reddito familiare, rispetto ad attività specialistiche che richiedono esperienza e preparazione che si forma nel tempo e va mantenuta e valorizzata. “Il lavoro degli operai forestali è essenziale per la manutenzione dell’ambiente anche e soprattutto sotto il profilo strutturale – ha ricordato Manzato – e dunque per prevenire pericoli per le comunità e degrado in aree anche di grande pregio ambientale e naturalistico, dove la mancanza di interventi attivi peggiorerebbe in maniera esponenziale i dissesti che si dovessero verificare”.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

 

 

Zanonato supporter di Pisapia o esperto di bottellon
ma Sindaco poche, rare, volte!

 

Tolstoj diceva che la calma è la vigliaccheria dell'anima. Mi pare che la questione sicurezza, immigrati, decoro urbano sia affrontata da Zanonato con una serenità preoccupante a tal punto che di piani d’accoglienza, soluzioni ne tantomeno quantificazioni sul fenomeno degli immigrati del nord Africa non ne siano ancora state prodotte. Il primo cittadino di Padova, ieri ha pensato bene di evitare un incontro col Ministro Maroni per essere presente al tavolo sul "bottellon", una serata di ubriacatura “spagnola” organizzata in Prato della Valle. Insomma, l’elefante rosso nella cristalleria sta combinando sempre più guai. Non è possibile pensare che il Ministero dell’Interno convochi a se i Sindaci per affrontare con diretta responsabilità un’emergenza come quella degli extracomunitari passati per le coste libiche (che sta cambiando il volto sociale della Città del Santo) e che il Sindaco, dopo aver sbeffeggiato e schernito più volte le decisioni del Governo, non partecipi ad un tavolo così fondamentale. Forse l’alcolizzata di gruppo costa meno gestirla e rende di più in mediaticità e per questo la priorità di Zanonato è passata dalla volata per Pisapia a Milano a questo insano momento diseducativo. Ma delle centinaia di extracomunitari, probabilmente clandestini, che bivaccano notte e giorno ormai in ogni angolo della Città, non c’è menzione, Zanonato si sottrae a qualsiasi tipo di obbligo morale e amministrativo per questa vicenda, arriva addirittura a calarsi nei panni del medico di famiglia dichiarando che la scabbia portata da un tunisino non è contagiosa e che si cura con una pomata e con del sano antileghismo. Bene ha fatto invece il Presidente Zaia a valutare tutti gli aspetti della vicenda ascoltando i Sindaci, interpreti delegati alle esigenze dei cittadini, nessuna demagogia e voglia invece di risolvere la questione con la massima condivisione delle soluzioni. Sono in completo accordo con il Segretario Nazionale Lega Nord Gianpaolo Gobbo, il quale chiarendo che si devono valutare le richieste di asilo legittime, suggerisce di radunare in pochi ma grandi strutture gli interessati, ottimizzando così costi, beni, personale e così via e non facendo così creare situazione ghettizzanti o carenti in fatto di controllo. Padova con la disinformazione, la mancanza di un know how amministrativo e la voglia cronica di Zanonato e Co. di integrazione integralista, non sta risolvendo nulla anzi venerdì scorso ha bellamente dichiarato “abbiamo già fatto la nostra parte” ma penso però che si riferisse al declino della Città.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Lega Nord

 

 

 

 

calendario
domenica 29
maggio
ore 10:00
Sportivando 2011
Fiera dello sportt
di San Martino di Lupari
Viale Europa, San Martino di Lupari (PD)
lunedì 30
maggio
ore 9:30
Incontro sul tema
"Ambiente e Acqua"
Istituto Agrario Parolini
Via San Bortolo19, Bassano del Grappa (VI)
martedì 31
maggio
ore 9:30
Convegno: "Direttiva nitrati: dalla ricerca alla gestione del territorio” – Centro di formazione di Veneto Agricoltura Via Roma, Legnaro (PD)
mercoledì 1
giugno
ore 10:00
Premiazione Progetti CLIMAFORUM, "Azione ProvinciEgiovani 2010" Isola di San Servolo, Venezia
mercoledì 1
giungo
ore 20:00
Incontro pubblico con il Gruppo Spontaneo Mutuo Soccorso Luparense Piazzale Europa, San Martino di Lupari (PD)
domenica 19
giugno
ore 8:00
Raduno Lega Nord
PONTIDA 2011
Pontida (Bergamo)

Hai un account google?
Ricevi il google calendar di Maurizio Conte 
 

   
Spot Lega Nord Veneto youtube
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Elezioni Amministrative 2011
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Alluvione novembre 2011
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Interventi contro la disoccupazione
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Nuove imprese giovanili, Veneto
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Aiutiamo l'economia a ripartire
   

Incontri sul territorio

archiviofoto
archiviofoto

Venerdì 23 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este (ballottaggio)

archiviofoto

Venerdì 18 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este

archiviofoto

Venerdì 13 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este

archiviofoto

Venerdì 13 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Arzergrande

archiviofoto

Venerdì 6 maggio
Convegno Federalismo Fiscale a Tombolo dal tema:
"Federalismo Fiscale opportunità o necessità"

archiviofoto

Venerdì 6 maggio
Visita cantieri forestali in provincia di Belluno

archiviofoto

Venerdì 1 aprile
Incontro Lega Nord circoscrizione camposampierese:
"I VANTAGGI DEL FEDERALISMO"

archiviofoto

Mercoledì 30 marzo
Inaugurazione fiera HYDRICA
Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente

 

Opportunità finanziarie, concorsi regionali e B.U.R.

Di seguito, in aggiornamento, il notiziario delle opportunità finanziarie per l'anno 2010. Si rammenta che le novità sono evidenziate in giallo. Si sottolinea, infine, per maggior comprensione, che il file relativo delle opportunità finanziarie è stato suddiviso tra bandi pubblici e privati.

Lo scopo di queste mail sarà esclusivamente  di carattere informativo verso tutte le attività della Giunta e del Consiglio Regionale nonché su argomenti inerenti la politica locale e nazionale. Come cadenza di invio mi aspetto di non superare 1-2 mail al mese. Vi ricordo che questo sarà un ulteriore strumento  per recepire dai lettori consigli, suggerimenti e richieste. Gli indirizzi e-mail a cui viene spedita questa comunicazione provengono da elenchi e servizi di pubblico dominio, o pubblicati in Internet, o da contatti personali. In ottemperanza alla vigente normativa sul trattamento dei dati personali, in ogni momento è possibile esercitare tutti i diritti previsti inclusa la richiesta di modifica o cancellazione dei dati presenti nell’archivio. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse o gradimento è possibile effettuare la cancellazione del proprio indirizzo e-mail dalla lista di distribuzione cliccando qui.

Non vedi bene questa mail? Guardala nel browser.