Newsletter Assessore all'Ambiente Regione Veneto Maurizio Conte
Assessore all'Ambiente Regione Veneto
 Seguimi su
facebooktwitter youtube
editoriale

 Leggi l'ultima copia de
"La Voce della Gente Veneta"

news

notizie

Ribadisco il no del Veneto, nulla e’ cambiato da novembre. Da De Magistris solo roboanti promesse elettorali

notizie

Padova, facilitatore culturale pro-lapidazione, l'ennesima contraddizione dell'Amministrazione Zanonato

notizie

Ospedale di Padova, Ruzzante e Rossi fuori controllo a spese dei cittadini

notizie

Regione e province al lavoro per revisione piano rifiuti urbani

notizie

Finanziati interventi di manutenzione opere idrauliche per i geni civili

notizie


Finanziati interventi di difesa dei litorali

Incontri pubblici calendario
Opportunità finanziarie e concorsi regionali
Visita il mio sito web homepage
Scrivimi una mail mail
archiviofoto

 Raccolta fotografica
WEB

 
incontri nel territorio

 Raccolta fotografica
divisa per comune

Calendario incontri Web
Collegamenti
solealpi Lega Nord
solealpi Lega Nord Veneto
solealpi Lega Nord Padova
solealpi Movimento Giovani Padani
solealpi Radio Padania
solealpi Tele Padania

 

Ribadisco il no del Veneto, nulla e’ cambiato da novembre. Da De Magistris solo roboanti promesse elettorali


“La richiesta di conferire rifiuti napoletani in Veneto non può che avere da noi la tessa risposta già espressa lo scorso novembre, cioè un no, anche perché da allora nulla è cambiato. Sono cambiati gli uomini alla guida del Comune, ma la sostanza della gestione del problema e dell’applicazione delle norme è rimasta la stessa”. Lo sottolinea oggi l’assessore all’ambiente della Regione del Veneto Maurizio Conte. “Il ‘saggio’ ex magistrato De Magistris – prosegue Conte – durante la campagna elettorale si è lanciato in promesse senza mezze misure: ha ripetuto all’infinito che, una volta eletto, avrebbe risolto definitivamente la vergognosa questione, spingendosi al funambolico annuncio che in 5 giorni i rifiuti per strada sarebbero rimasti un ricordo. I giorni sono divenuti settimane e, per correre ai ripari, il dipietrista ha offerto all’Italia una scoperta sensazionale: dietro il caos del conferimento e dello smaltimento della rumenta vesuviana c’è la mano della camorra! Non ci siamo proprio – aggiunge Conte: aldilà della ventilata emergenza sanitaria, oltre alla cascata di denaro pubblico che viene messa nelle mani di non meglio definiti attori del ciclo dei rifiuti, e dopo l’ennesimo schiaffo al buon senso, il nostro non può essere che un no ampiamente motivato”. “Come già anticipato dal presidente Zaia – dice Conte – l’unico modo in cui il Veneto potrà contribuire è l’invio di tecnici regionali per trasferire il know now che ci ha portato nell’olimpo delle Regioni virtuose in materia di rifiuti, con una percentuale di raccolta differenziata vicina al 60%”. “Per quanto riguarda gli aspetti tecnici – prosegue l’assessore – devo anche confermare che i rifiuti campani indifferenziati non sono compatibili con i nostri impianti, che sono invece in grado di accogliere solo tipologie di rifiuto urbano residuo secco, con bassissimo contenuto organico. In secondo luogo – secondo Conte – dovranno essere ben ripartite precise responsabilità sul territorio partenopeo, aprendo, fino a nuove soluzioni, discariche tattiche che serviranno a far fronte all’emergenza nell’immediato”. “Anche la politica, causa di questa incresciosa situazione – conclude Conte – dovrà dare risposte. A cominciare dal nuovo sindaco che, con poca umiltà, ha dichiarato ‘la rivoluzione sono io’. Invito pertanto De Magistris ad assumersi una forte responsabilità: farsi nominare commissario per individuare nel territorio napoletano le aree idonee a far sorgere discariche o impianti di smaltimento, bypassando così le infiltrazioni criminali che fino ad ora hanno spadroneggiato”.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

Padova, facilitatore culturale pro-lapidazione, l'ennesima contraddizione dell'Amministrazione Zanonato


La fatalità è stata tragica, si è abbattuta sulla Città di Padova e tra le prime figure ad esprimersi c’è l’Associazione culturale islamica Rahma. Mi riferisco alle dichiarazioni agghiaccianti rilasciate dal facilitatore culturale del Comune di Padova Maher Selmi, il quale alcuni giorni fa ha rilasciato un’intervista dicendo di condividere, come deterrente che “crea dentro gli uomini il timore del peccare”, la lapidazione. Queste affermazioni sono state rilasciate pochi giorni prima dell’uxoricidio di Fatima Chabani, 33 anni, accoltellata a morte dal proprio marito sulla porta di casa, in via Maroncelli a Padova. La connessione tra questo reato e le dichiarazioni dell’associato Rahma non ha una fondatezza, ce l’ha invece il fatto che l’intervento dell’associazione islamica arrivi a tempo di record, quasi che quanto succede nella comunità nordafricana sia una competenza propria. La coda di paglia dunque c’è, anche perché dichiarare che “la donna nell’islam è assolutamente libera” mi pare una forzatura un po’eccessiva, anche per i dettami del libro sacro di Maometto. La gravità in tutto questo dov’è? Sta nel fatto che Maher Selmi è stato incaricato dal Comune di Padova per ricoprire il ruolo di facilitatore culturale. Uno dei tanti fantasiosi archibugi surrealisti ideologizzati inventati da Zanonato per generare integrazione, ma che negli effetti sono una sorta di ufficio “richieste e diritti” itinerante dei cui effetti positivi mai nessuno ne ha saputo qualcosa. Non è comprensibile quindi che una persona che dovrebbe favorire l’integrazione e che in un qualche modo rappresenta l’amministrazione pubblica possa essere interprete di un islam integralista che appoggia una pratica aberrante come la lapidazione, tutto ciò si trova in netta antitesi con il pensiero liberamente democratico dell’occidente. Dopo la seconda sonora bocciatura della “commissione stranieri” spero che l’amministrazione di Padova abbia il coraggio di ritirare la proposta e dopo queste spiacevoli e sconvenienti dichiarazioni di Selmi mi auguro che Zanonato sia veloce nel dissociarsi altrimenti, ancora una volta, si capirà che integrazione per la sinistra padovana significa nascondere la propria cultura e la propria religione per far spazio agli ultimi venuti.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto Lega Nord

 

Ospedale di Padova, Ruzzante e Rossi fuori controllo a spese dei cittadini


L’arroganza adottata da Rossi e Ruzzante per affrontare la questione dell’ospedale padovano è sintomatica della condizione “alinea” con cui gli esponenti del Partito democratico rivestono il ruolo di amministratori. Alla faccia della partecipazione, frasi del tipo “Lega paga e tazi” o “non investite risorse negli ospedaletti di campagna” o ancora, definire “idiozie” le proposte del Carroccio in merito al nuovo nosocomio che dovrebbe sorgere nella città del Santo entro i prossimi anni, sono ormai un condizione dialettica costante con cui gli enti locali superiori devono fare i conti quanto c’è di mezzo l’amministrazione e la politica patavina. Non facendone nemmeno una questione etica o di educazione, voglio ribadire che nelle idee progettuali della Regione e della Provincia, le certezze espresse dal Vicesindaco Rossi non sono poi così solide, lo studio preventivo terrà in considerazione un’ottica globale della condizione sanitaria di Padova, che a differenza di quanto urlato ai media dall’amministrazione di Palazzo Moroni, sta cercando di tenere in attenta valutazione ogni aspetto della vicenda, dal riordino come ospedale cittadino della vecchia struttura alla realizzazione ex novo di un complesso sanitario con indirizzi misti, che potrebbe sorgere anche in zone diverse da quella dello Stadio Euganeo indicata dalla Giunta Zanonato. Con molta probabilità, se l’atteggiamento degli uomini del primo cittadino di Padova fosse più collaborativo, le decisioni verrebbero concertate con tutti i soggetti interessati, ma questo significa che senza l’opinione della Lega la questione non verrà affrontata, a fronte di ciò invito Rossi e Ruzzante a procurarsi un della di cenere per cospargersi un po’ il capo.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto Lega Nord

 

Regione e province al lavoro per revisione piano rifiuti urbani


La Regione del Veneto è dotata di un piano di gestione dei rifiuti urbani che risale al 2004. Da quella data sono intervenuti aggiornamenti sia sotto il profilo normativo, sia relativamente all’evoluzione della gestione dei rifiuti. E’ più che opportuna quindi una rivisitazione della pianificazione con l’obiettivo di mettere a fuoco la situazione e le eventualità criticità e individuare le soluzioni. E’ quanto è emerso in occasione dell’incontro che l’assessore regionale all’ambiente Maurizio Conte ha avuto a Palazzo Balbi a Venezia con i rappresentanti delle amministrazioni provinciali del Veneto. Dalla comune valutazione è risultato infatti che sono cambiate in parte le condizioni che erano alla base del piano regionale del 2004 e, in particolare, è sensibilmente aumentata la quantità dei rifiuti avviata al recupero. Come pure sono cambiate le esigenze rispetto alla tipologia degli impianti di trattamento, a cui occorre adeguarsi per continuare sulla strada dell’autosufficienza che il Veneto con le sue scelte ha saputo raggiungere a differenza di altre situazioni, come quella drammaticamente attuale della Campania. Sulla base di queste e di altre considerazioni, l’assessore Conte ha ribadito l’intenzione della Regione di operare una revisione della pianificazione chiedendo la collaborazione e l’apporto delle Province, che hanno risposto positivamente a questa sollecitazione. La rivisitazione del piano dovrà quindi indicare i nuovi obiettivi, modalità e strumenti per la gestione dei rifiuti urbani. Una volta definita la proposta condivisa, l’iter procedurale prevede l’adozione del piano da parte della giunta regionale e l’approvazione del Consiglio regionale. Il nuovo strumento pianificatorio dovrà essere sottoposto anche al procedimento di Valutazione Ambientale Strategica.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

Finanziati interventi di manutenzione opere idrauliche per i geni civili


Per la manutenzione delle opere idrauliche appartenenti alla rete idrografica regionale, la giunta veneta su proposta dell’assessore alla difesa del suolo Maurizio Conte ha disposto il riparto tra le sette Unità di Progetto del Genio Civile delle risorse impegnabili nel bilancio di previsione per il 2011, pari a 6 milioni 970 mila euro. A ciascun Genio Civile sono stati assegnati quindi 970 mila euro, che andranno utilizzati esclusivamente per la progettazione e l’attuazione di lavori per il mantenimento e il ripristino di opere idrauliche esistenti. Ogni singolo Genio Civile provvederà a trasmettere alla Regione l’elenco degli interventi da realizzare nella provincia di sua competenza, per il successivo impegno di spesa.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

Finanziati interventi di difesa dei litorali


Un importo complessivo di 410 mila euro è stato stanziato dalla giunta regionale per la realizzazione di interventi di difesa dei litorali, sulla base di impegni già assunti dalla giunta regionale nel 2010. Ne dà comunicazione l’assessore alla difesa del suolo Maurizio Conte precisando che 200 mila euro sono stati assegnati per il ripascimento del litorale di Cortellazzo, nel territorio del comune di Jesolo, ad integrazione del protocollo d’intesa sottoscritto il 10 febbraio scorso tra la Regione, l’amministrazione comunale e il Magistrato alle Acque. Gli altri 210 mila euro sono stati assegnati per il finanziamento delle attività previste per le annualità 2011-2012 nell’ambito del “Progetto di riqualificazione ambientale e turistica e riordino delle opere di difesa delle fasce costiere e delle foci fluviali tra Piave e Livenza – stralcio. ripascimento del litorale dei comuni di Eraclea e Caorle”. “Quest’ultimo – fa presente Conte - è stato condiviso con la associazioni di categoria del settore pesca e riguarda la riqualificazione ambientale e la produttività delle aree marine interessate dai lavori di dragaggio per il prelievo di sabbia. E’ un progetto pilota che risulta di particolare importanza in funzione dei futuri interventi di ripristino dei litorali soggetti ad erosione”.

Maurizio Conte
Assessore Regionale Veneto all'Ambiente

 

 

calendario
venerdì 1
luglio
ore 17:30
Assemblea Annuale Ance Padova Villa Borromeo, Sarmeola di Rubano (PD)
venerdì 1
luglio
ore 20:10
Quarta Edizione "Lega Nord in Festa" - Presso Zona Artigianale Via Alessandro Volta, Santa Margherita d'Adige (PD)
sabato 2
luglio
ore 20:30
Festa Lega Nord - Prà del Donatore di Limena (PD) Prà del Donatore di Limena (PD)
lunedì 4
luglio
ore 20:10
Inaugurazione "Sportello Unico demanio idrico" Via Loreto (angolo via Caffi) Belluno
mercoledì 6 luglio
 ore 21:00
Diretta Rete Veneta  
venerdì 8
luglio
ore 20:00
Seconda Edizione Lega Nord in Festa Piazza Centrale, Terrassa Padovana (PD)
sabato 9
luglio
ore 20:00
Festa Lega Nord Circoscrizione Cittadellese Agriturismo "Al Pozzo", Piazzola sul Brenta (PD)
domenica 10
luglio
ore 19:00
Festa Lega Nord Circoscrizione Cittadellese Agriturismo "Al Pozzo", Piazzola sul Brenta (PD)

Hai un account google?
Ricevi il google calendar di Maurizio Conte 
 

   
Spot Lega Nord Veneto youtube
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Elezioni Amministrative 2011
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Alluvione novembre 2011
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Interventi contro la disoccupazione
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Nuove imprese giovanili, Veneto
 
Clicca qui per visualizzare il filmato
Spot Lega Nord Veneto - Aiutiamo l'economia a ripartire
   

Incontri sul territorio

archiviofoto
archiviofoto

Domenica 26 giugno
Festa Lega Nord San Martino di Lupari "Ae Vae"

archiviofoto

Mercoledì 08 giugno
Conferenza stampa Comitato di Coordinamento
RAEE (Rifiuti elettrici ed elettronici)

archiviofoto

Venerdì 23 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este (ballottaggio)

archiviofoto

Venerdì 18 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este

archiviofoto

Venerdì 13 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Este

archiviofoto

Venerdì 13 maggio
Chiusura campagna elettorale ad Arzergrande

archiviofoto

Venerdì 6 maggio
Convegno Federalismo Fiscale a Tombolo dal tema:
"Federalismo Fiscale opportunità o necessità"

archiviofoto

Venerdì 6 maggio
Visita cantieri forestali in provincia di Belluno

archiviofoto

Venerdì 1 aprile
Incontro Lega Nord circoscrizione camposampierese:
"I VANTAGGI DEL FEDERALISMO"

 

Opportunità finanziarie, concorsi regionali e B.U.R.

Di seguito, in aggiornamento, il notiziario delle opportunità finanziarie per l'anno 2010. Si rammenta che le novità sono evidenziate in giallo. Si sottolinea, infine, per maggior comprensione, che il file relativo delle opportunità finanziarie è stato suddiviso tra bandi pubblici e privati.

Lo scopo di queste mail sarà esclusivamente  di carattere informativo verso tutte le attività della Giunta e del Consiglio Regionale nonché su argomenti inerenti la politica locale e nazionale. Come cadenza di invio mi aspetto di non superare 1-2 mail al mese. Vi ricordo che questo sarà un ulteriore strumento  per recepire dai lettori consigli, suggerimenti e richieste. Gli indirizzi e-mail a cui viene spedita questa comunicazione provengono da elenchi e servizi di pubblico dominio, o pubblicati in Internet, o da contatti personali. In ottemperanza alla vigente normativa sul trattamento dei dati personali, in ogni momento è possibile esercitare tutti i diritti previsti inclusa la richiesta di modifica o cancellazione dei dati presenti nell’archivio. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse o gradimento è possibile effettuare la cancellazione del proprio indirizzo e-mail dalla lista di distribuzione cliccando qui.

Non vedi bene questa mail? Guardala nel browser.