Coronavirus – Conte (FI – VpA): Salviamo il TURISMO del Veneto: il portale regionale VENETO.EU può realmente sostenere gli operatori turistici del Veneto.

L’emergenza coronavirus ha di fatto confermato nuovamente, e aggiungo, per l’ennesima volta, il “modello Veneto”. Una Regione e un Popolo che hanno saputo dimostrare unità e responsabilità, effettuando scelte non facili, in alcuni casi non del tutto comprese e condivise dalle organizzazioni sanitarie e non solo.  

Il comparto del turismo (alloggio e ristorazione) può rappresentare la chiave di volta per dare una boccata di ossigeno all’economia del nostro Veneto post Coronavirus. Dobbiamo però essere pronti, e la Regione Veneto deve essere a fianco degli operatori del settore e contribuire, come sta facendo fin dagli inizi di questa emergenza, ad individuare quelle soluzioni che possono premiare la professionalità, i sacrifici e gli investimenti degli operatori del settore.

Ricordo – sottolinea Conte – che la Regione del Veneto nel 2019 è stata confermata come prima regione turistica d’Italia con più di 69 milioni di presenze. Purtroppo l’emergenza Coronavirus ha fatto finora crollare del 65% le prenotazioni per la prossima stagione estiva, e il comparto aggregato del turismo veneto (alloggio e ristorazione) stima una perdita totale di 1,6 miliardi di euro per il 2020 (stima della Fondazione Nazionale dei Commercialisti). Un esempio ancora più specifico, parlando del padovano, riguarda il comparto turistico dei Colli Euganei, in un solo mese e 10 giorni vedono una perdita di circa un terzo degli incassi dell’anno 2020 rispetto al trend medio degli ultimi tre anni.

È evidente a tutti che lo Stato è chiamato a fare la propria parte, sia dal punto di vista della fiscalità che nell’ambito delle risorse economiche da stanziare per permettere la sopravvivenza del comparto del turismo del Veneto. Come Regione Veneto, in aggiunta ai tavoli di confronto già avviati con gli operatori del settore, dobbiamo e possiamo avere un ruolo strategico anche per rilanciare il comparto del turismo: le nuove tecnologie in questo momento ne rappresentano una prima ed importante possibilità.

La mia proposta è di far squadra con le aziende di promozione turistica del Veneto per attivare, come già fatto dalla Regione Emilia Romagna, anche nel portale del turismo del Veneto www.veneto.eu la possibilità di prenotare l’alloggio direttamente dal sito evitando di dover riconoscere da parte degli albergatori le pesanti commissioni a favore dei siti di booking online. Il portale web, potrebbe essere il mezzo per diminuire tanta burocrazia e tasse indirette che gravano sugli albergatori, come pure attivare delle promozioni ad esempio per i veneti che prenotano la loro vacanza in Veneto. Le nuove tecnologie offrono enormi opportunità e come Regione Veneto dobbiamo fare sintesi e coglierle tutte.

Il portale regionale veneto.eu rappresenta già un validissimo contenitore di informazioni utili per il turista, sia che provenga dal Veneto che da altre parti d’Italia come pure dall’estero, e a conferma lo scorso maggio alla ventesima edizione dell’Interactive Key Award l’Assessore Caner ha ritirato il premio Best portal project.

Oggi, non solo la situazione sanitaria, ma anche quella economica devono essere affrontate con la stessa attenzione, e l’emergenza Coronavirus obbliga tutti noi, in primis le Istituzioni, ad adottare delle scelte che prima erano vincolate al rispetto di bilanci e di altre priorità: insieme ce la faremo anche questa volta.

Maurizio Conte

Consigliere regionale gruppo Forza Italia – Veneto per l’Autonomia

Ti potrebbero interessare anche

L’emergenza coronavirus ha di fatto confermato nuovamente, e aggiungo, per l’ennesima volta, il “modello Veneto”. Una Regione e un Popolo che hanno saputo dimostrare unità e responsabilità, effettuando scelte non
“Esprimo la piena solidarietà e vicinanza a tutti i settori produttivi, del commercio, del turismo, della ristorazione, al mondo delle professioni e al popolo delle Partite Iva, agli operatori dello
“Maggiori opportunità e attenzione per le micro e piccole imprese venete. È sostanzialmente questo l’obiettivo della Mozione che ho presentato ieri in Consiglio e approvata all’unanimità, quarantasette consiglieri presenti, e