Sanità – Conte (FI – VpA): ” Pediatria a Camposampietro senza medici: si mette a rischio una eccellenza della sanità Veneta. Cosa fa la Giunta”?

(Arv) Venezia, 17 lug. 2019   –  “Vorrei sapere dalla Giunta regionale quali misure organizzative  intende individuare per garantire l’offerta assistenziale dell’ospedale di Camposampiero e per mantenere l’area materno infantile un‘eccellenza regionale, da sempre punto di riferimento anche fuori dal territorio dell’Ulss”. Maurizio Conte, con una interrogazione depositata stamane, incalza il governo regionale sul caso del Reparto di Pediatria dell’ospedale “Pietro Cosma” di Camposanpiero, “reparto trasferito all’Ospedale di Cittadella nel periodo estivo per mancanza di medici – nota Conte – La stessa direzione dell’Ulss 6 Euganea ha confermato  che per garantire il piano ferie aziendale è stato temporaneamente rivisto l’assetto organizzativo dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria. Da parte mia noto che da più di un anno, dalle dimissioni di sette pediatri, l’attività è stata garantita grazie ai medici di supporto provenienti dalle Ulss 9 Scaligera, Ulss 8 Berica e Ulss 7 Pedemontana. Il  tutto stride con un dato di fatto inoppugnabile: il Punto nascite di Camposampiero, con 1385 parti all’anno rappresenta un eccellenza per la sanità del Veneto e l’attuale organizzazione3 non mi sembra sia adatta ad una eccellenza. Anzi. E’ vero che è stato bandito dall’Ulss 6 un concorso per l’assunzione di nuovi pediatri ma sarebbe interessante sapere, e anche su ciò chiedo lumi alla Giunta regionale, se le assunzioni di nuovi pediatri, previste dal concorso bandito dall’Ulss 6, consentiranno la riapertura del reparto di Pediatria a Camposampiero, al termine del periodo di ferie.”

Ti potrebbero interessare anche

L’emergenza coronavirus ha di fatto confermato nuovamente, e aggiungo, per l’ennesima volta, il “modello Veneto”. Una Regione e un Popolo che hanno saputo dimostrare unità e responsabilità, effettuando scelte non
L’emergenza coronavirus ha di fatto confermato nuovamente, e aggiungo, per l’ennesima volta, il “modello Veneto”. Una Regione e un Popolo che hanno saputo dimostrare unità e responsabilità, effettuando scelte non
“Esprimo la piena solidarietà e vicinanza a tutti i settori produttivi, del commercio, del turismo, della ristorazione, al mondo delle professioni e al popolo delle Partite Iva, agli operatori dello
“Maggiori opportunità e attenzione per le micro e piccole imprese venete. È sostanzialmente questo l’obiettivo della Mozione che ho presentato ieri in Consiglio e approvata all’unanimità, quarantasette consiglieri presenti, e